Italy hotels
FORNITORI
LAVORO
COMPRO-VENDO
SERVIZI
CONSULENZA
FORMAZIONE
ITALY HOTELS
NEWS
WHO'S WHO
LINKS
CERCA
CONTATTACI
 
HOME-PAGE

La Carta del Turista - Associazione nazionale Comune d'Italia

ASCA) - Firenze, 7 mar - Sarà una vera Carta del Turista quella che sarà presentata al convegno nazionale su 'I sistemi turistici locali - I Comuni per la cultura dell'ospitalità', organizzato dall'Associazione nazionale dei Comuni d'Italia (ANCI), in programma venerdì 9 marzo 2001 nel Salone dè Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze.

La Carta, proprio perchè dovrebbe essere presentata e approvata venerdì, con molta probabilità prenderà il nome di 'Carta di Firenze. ''Il convegno è il primo appuntamento del settore a pochi giorni dall'approvazione della 'Legge quadro sul turismo, approvata la settimana scorsa, e proprio per questo diventa un momento di confronto ma anche di discussione importante - ha detto il sindaco Leonardo Domenici, presidente nazionale dell'ANCI. - La nuova legge quadro ha dei limiti e dei problemi, ma è il primo passo concreto per collegare impresa e iniziativa turistica ai sistemi territoriali, creando dei veri distretti turistici locali dove un ruolo fondamentale viene assegnato ai Comunì'.

''La 'Carta del turista sarà approvata da tutti i presenti al convegno - ha spiegato l'assessore al turismo di Firenze, Stefano Bruzzesi - e servirà a ridefinire il ruolo prioritario dei Comuni nella gestione del settore turistico partendo dall'ospitalità''.

La legge quadro, mentre assegna un ruolo più politico e di programmazione alle Regioni, e un ruolo di coordinamento territoriale alle Agenzie di Promozione turistica (APT), ''ai Comuni assegna un ruolo attivo con il compito principale di trovare - ha spiegato Bruzzesi - un equilibrio tra turismo e residenzialità''. Domenici ha poi ricordato che l'ANCI ha proposto un DDL, già sottoscritto da tutti i gruppi della Camera, ''per la creazione di un marchio 'DE.CO' (Denominazione Comunale), per la difesa e la valorizzazione dei nostri prodotti tipici agro-alimentari ed enogastronomici. Una proposta che ha come obiettivo la realizzazione di una sinergia culturale ed economica. Culturale perchè è un impegno a proteggere alcuni prodotti secolari dal rischio di 'estinzionè; economica perchè alle vecchie professioni se ne potranno affiancare di nuovè'. Al convegno parteciperanno, tra gli altri, Paolo Agostinacchio, Antonio Centi, Sergio Billè, Giancarlo Abete, Piergiorgio Togni, Gaetano Orrico.


 



  FORNITORI | LAVORO | COMPRO-VENDO | SERVIZI | CONSULENZA | FORMAZIONE | NEWS | LINKS | REGISTRATI | CERCA | CONTATTACI |